L'ambiente marino

L'ambiente marino

Le varie suddivisioni degli ambienti marini, il sistema fitale ed afitale, i vari piani dei sistemi, dall' adlitorale al circalitorale vai >>

Composizione dell'acqua di mare e caratteristiche

Composizione acqua di mare

La composizione dell'acqua marina, le percentuali dei sali disciolti, la salinitàvai>>

Caratteristiche

Le caratteristiche fisico-chimiche dell'acqua marina, il termoclino, la viscosità, etc. vai>>

La luce nel mare

La luce nel mare

L'assorbimento della luce nel mare, lo spettro, l'influenza sulla vita, le suddivisioni in zone eufotica oligofotica afotica vai>>

La barriera corallina

La barriera corallina

Descrizioni delle barriere coralline, le origini e la formazione, le madrepore, la simbiosi con le alghe simbionti, le zooxantelle vai>>

Il plancton

Il plancton

Il fitoplancton, lo zooplancton, suddivisione del plancton, le diatomee, gli adattamenti alla vita planctonica, etc.
vai>>

caulerpa

Le alghe

Le alghe

Descrizione delle alghe, caratteristiche ambientali, importanza della luce, ambienti secondari vai>>

Le zooxantelle

Le alghe simbionti dei coralli: le zooxantelle

Le alghe simbionti vivono sopratutto con protozoi, spugne, celenterati: la distribuzione... continua>>

Categorie

Categorie delle alghe

Suddivisione delle alghe in relazione all'ambiente bentonico di appartenenza
vai>>

amphiprion

Dizionario

 Dizionario

Un' elenco di termini ordinati alfabeticamente per conoscere meglio il significato di alcune parole o semplicemente il nome comune di un pesce, una conchiglia, etc.

vai>>

galeone

Storia

I grandi personaggi che hanno fatto la storia dei Mari, da Colombo a Vespucci, Caboto, Diaz, ecc.


vai>>

Cerca un termine





Piccolo dizionario
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

P
Pagliaccio, pesci
Pastinaca
Pennatulacei
Perchia
Pettine, pesce
Picnogonidi
Piede di pellicano
Picasso, pesce
Pigna, pesce
Pilota, pesce
Pinna nobilis
Pipistrello, pesce
Platelminti
Policheti
Poliplacofori


Pagliaccio, pesci --> Con questo nome comune vengono indicati tutti i pesci appartenenti al genere Amphiprion sp. e Premnas sp. della famiglia Pomacentridae.
In natura vivono in simbiosi con grandi anemoni di mare come Stoichactis, Radianthus, Parasicyonis ed altre. La pericolosità dei tentacoli urticanti delle anemoni sembra sia evitata dai pesci pagliaccio inglobando nel proprio muco parti della mucosa dell'anemone stessa: nella mucosa dell'anemone infatti, è presente una sorta di siero immunizzante che evita ai tentacoli di esercitare un'azione urticante l'un l'altro quando vengono in contatto.
La convivenza tra questi due animali porta un vantaggio molto evidente: i pesci pagliaccio trovano un rifugio sicuro tra i tentacoli dell'anemone, urticanti per tutti gli altri pesci, mentre le attinie vengono protette dagli attacchi di pesci che si nutrono dei loro tentacoli, come ad esempio alcune specie del genere Chaetodon; molto probabilmente le liberano anche da eventuali crostacei parassiti (non attaccano invece crostacei simbionti dell'anemone come Thor amoinensis, Neopetrolisthes oshimai, Periclemenes brevicarpalis).
Alcune specie di Amphiprion si nutrono, più o meno frequentemente a seconda della specie, anche dei tentacoli dell'attinia che li ospita.

Pastinaca --> Vedi Trigoni 

Pennatulacei --> L'ordine dei Pennatulacei  (sottoclasse Ottocoralli, classe Antozoi, phylum Cnidari ) comprende invertebrati che formano colonie dall'aspetto caratteristico.
Da un un polipo principale che funge da asse verticale, più o meno grosso e irrigidito da una struttura interna filiforme cornea, dipartono direttamente o su espansioni laterali tanti polipi, in genere sottili e lunghi: questi si originano per gemmazione sull'impalcatura principale fondatrice della colonia. La parte assiale si fissa con la porzione inferiore priva di polipi (peduncolo) nei fondali sabbiosi o fangosi, dove, con grazie ai movimenti del peduncolo può effettuare limitati spostamenti.
La porzione del del polipo principale che fuoriesce dal substrato e detta rachide e contiene elementi scheletrici isolati (scleriti) di natura calcarea.

Perchia --> Serranus scribaCol nome di Perchia vengono comunemente chiamati alcuni pesci appartenenti al genere Serranus, in particolar modo si indica con questo nome il Serranus cabrilla. Vengono denominati Perchia anche il Serranus hepatus ed il Serranus scriba.
Sono pesci caratterizzati da un corpo allungato e lievemente compresso, con testa conica, l'habitat preferito è generalmente costituito da pareti/fondali rocciosi e praterie di Posidonia, fondali sabbiosi per il Serranus hepatus.
Nell' immagine   un esemplare di Serranus scriba.
(foto by Izio, Cap Martin -FR-, 12-08-2011)

Picnogonidi --> La classe dei Picnogonidi (phylum Artropodi) è rappresentata da specie esclusivamente marine, che vivono sui fondali sia a basse che ad alte profondità. I picnogonidi assomigliano agli Aracnidi, avendo generalmente quattro lungi arti ambulacrali, per quasto sono anche volgarmente denominati ragni marini.
Sono nella maggior parte dei casi di piccole dimensioni, alcuni millimetri, ma alcune specie possono raggiungere anche i 40 cm. ad arti distesi.
I Picnogonidi possono perdere, in caso di difesa, parti del corpo per atotomia, successivamente le porzioni mancanti vengono rigenerate in breve tempo.top

Piede di pellicano --> Nome comune del Mollusco Aporrhais pespelecani comune nel Mar Mediterraneo e nell'Atlantico, la cui conchiglia raggiunge al massimo la lunghezza di 5 cm. Si trova a basse profondità lungo le coste sabbiose, dove si nutre di plancton e di materiali organici che estrae dal fondo. top

Pettine, pesce --> Nome comune del Xyrichthys novacula , famiglia dei Labridi, frequente nell'Atlantico tropicale.
Questi pesci, la qui taglia si aggira sui 25 cm., vivono su bassi fondali sabbiosi o fangosi, dove si nascondono nel substrato in attesa di piccole prede, invertebrati o piccoli pesci.top

Picasso, pesce --> Nome comune dei pesci appartenenti al genere Rhinecanthus sp., in particolare di Rhinecanthus aculeatus . top

Pigna, pesce --> Nome comune del Monocentris japonicus.  top

Pilota, pesce --> Il pesce pilota Naucrates ductor  è un pesce a larghissima diffusione geografica, praticamente è presente in tutti i mari temperati e caldi. Questi pesci hanno abitiduni pelagiche e frequentemente si trovano in compagnia i grossi squali, precedendoli come se ne dirigessoro la rotta, da qui il nome comune.top

Pinna nobilis --> La Pinna nobilis  (phylum Molluschi , classe Lamellibranchi, ordine Filibranchi) vive sottocosta, fissata con la parte appuntita della conchiglia triangolare nella sabbia o nella roccia.
Similmente ai mitili, secernono abbondanti filamenti di bisso con il quale si fissano al substrato. La Pinna n. è tra le più grosse conchiglie che si possono trovare nel Mediterraneo, potendo raggiungere la lungezza di 80 cm. top

Pipistrello, pesce --> Nome con il quale vengono generalmente indicati i pesci del genere Platax.
Alcune specie:
Platax pinnatus Platax teira Platax orbicularis top

Platelminti --> Il phiylum dei Platelminti è costituito di invertebrati a simmetria bilaterale, comunemente detti vermi piatti per la loro forma generalmente appiattita. Ad esclusione degli esemplari parassiti rivestiti da una cuticola, nei rimanenti generi il corpo può essere ricoperto da ciglia vibratili.
Sono privi di celoma, metameria, apparato respiratorio e ano. Tra i vari organi vi è un tessuto connettivo, detto parenchima, di riempimento. Sotto l'epidermide vi sono strati incrociati di fibre muscolari. La respirazione avviene attraverso la superficie del corpo, che assorbe ossigeno e cede anidride carbonica. In alcune specie parassite interne avviene, invece, una respirazione anaerobica, cioè in assenza di ossigeno.
I Platelminti sono quasi tutti ermafroditi: lo stesso animale è dotato dell'apparato riproduttore maschile, formato di testicoli collegati ad un'organo copulatore e di quello femminile (ovari).
Il phylum dei Platelminti è suddiviso in tre classi:
Turbellari, Trematodi e Cestodi. Alle ultime due classi appartengono specie parassite. top

Policheti --> La classe dei Policheti, phylum Anellidi, è composta quasi totalmente da organismi marini, pochissime le specie d'acqua dolce, non vi sono rappresentanti terrestri.
Il corpo dei Policheti presenta una chiara segmentezione, sia esterna che interna, nota con il nome di metameria. All'esterno vi sono appendici laterali non articolate dette parapodi, munite di setole di origine chitinosa. I parapodi sono costituiti da un'espansione dorsale (notopodio) e di una ventrale (neuropodio), entrambe irrobustite da una grossa setola assile detta acicula, alla quale sono attaccate le fibre muscolari necessarie al movimento e quindi alla locomozione dell'animale.
Il corpo dei Policheti vine suddiviso in tre regioni: la parte anteriore detta prostomio, che contiene un lobo cefalico sul quale trovano posto cirri, palpi, antenne ed occhi se presenti. La seconda regione, il tronco, costituito da vari metameri ciascuno dotato di un paio di parapodi. L'ultima parte, il pigidio, è privo di celoma e di appendici; qui sfocia all'esterno l'intestino attraverso l'ano.
Generalmente i sessi sono separati, anche se si conoscono alcune specie ermafrodite: in quest'ultimo caso i metameri anteriori sono maschili, seguiti da quelli femminili. La classe dei Policheti viene generalmente suddivisa in due ordini, Erranti e Sedentari, ma questa suddivisione, basata sulle abitudini di vita, non ha alcun valore scientifico in quanto alcune specie di un ordine possono avere caratteristiche specifiche dell'altro ordine.
In quest' immagine un Sabella spallanzanii  comunemente detto spirografo (foto © Elisa Ceccarelli) top

Poliplacofori --> I Poliplacofori (phylum Molluschi ) sono caratterizzati da simmetria bilaterale ed hanno il corpo ricoperto da una conchiglia compressa dorso-ventralmente, costituita generalmente da otto placche trasversali di natura calcarea ed articolate in modo che l'animale può parzialmente raggomitolarsi su se stesso.
Le placche sono rivestite da una lamina cornea in cui sono alloggiati organi sensibili alla luce e ai movimenti dell'acqua. Questi molluschi hanno un piede ben sviluppato, muscoloso, che si estende per tutto il lato ventrale, col quale si attaccano a ventosa al substrato sul quale si spostano strisciando.
I Poliplacofori vivono negli ambienti rocciosi a basse profondità, nutrendosi del feltro algoso che ricopre il substrato. Comune nel Mediterraneo è il Chiton olivaceus  top

Pterobranchi --> Tipo di invertebrati marini di piccole dimensioni, d'aspetto simile ai briozoi, che vivo in colonie o aggregazioni (Rhabdopleura sp.) con individui tra loro indipendenti, originati per riproduzione asessuata, cioè, per gemmazione.
Il corpo dei Pterobranchi è formato da tre parti: la prima, il protosoma, di forma discoidale o a fungo; la seconda, detta mesosoma, dotato di braccia in numero variabile da due a diciotto, fornite di tentacoli ciliati e formanti nel loro insieme una sorta di pennacchio con funzioni respiratorie.
Il metasoma, l'ultima delle tre parti, sorregge le precedenti con il tronco ed assicura il fissaggio al substrato con il peduncolo. Ad ampia distribuzione geografica, vivono generalmente in tubi da loro stessi secreti.
Una delle specie più note è sicuramente Rhabdopleura normanni. top


© 2013 I Segreti del Mare @ webmaster