L'ambiente marino

L'ambiente marino

Le varie suddivisioni degli ambienti marini, il sistema fitale ed afitale, i vari piani dei sistemi, dall' adlitorale al circalitorale vai >>

Composizione dell'acqua di mare e caratteristiche

Composizione acqua di mare

La composizione dell'acqua marina, le percentuali dei sali disciolti, la salinitàvai>>

Caratteristiche

Le caratteristiche fisico-chimiche dell'acqua marina, il termoclino, la viscosità, etc. vai>>

La luce nel mare

La luce nel mare

L'assorbimento della luce nel mare, lo spettro, l'influenza sulla vita, le suddivisioni in zone eufotica oligofotica afotica vai>>

La barriera corallina

La barriera corallina

Descrizioni delle barriere coralline, le origini e la formazione, le madrepore, la simbiosi con le alghe simbionti, le zooxantelle vai>>

Il plancton

Il plancton

Il fitoplancton, lo zooplancton, suddivisione del plancton, le diatomee, gli adattamenti alla vita planctonica, etc.
vai>>

caulerpa

Le alghe

Le alghe

Descrizione delle alghe, caratteristiche ambientali, importanza della luce, ambienti secondari vai>>

Le zooxantelle

Le alghe simbionti dei coralli: le zooxantelle

Le alghe simbionti vivono sopratutto con protozoi, spugne, celenterati: la distribuzione... continua>>

Categorie

Categorie delle alghe

Suddivisione delle alghe in relazione all'ambiente bentonico di appartenenza
vai>>

amphiprion

Dizionario

 Dizionario

Un' elenco di termini ordinati alfabeticamente per conoscere meglio il significato di alcune parole o semplicemente il nome comune di un pesce, una conchiglia, etc.

vai>>

galeone

Storia

I grandi personaggi che hanno fatto la storia dei Mari, da Colombo a Vespucci, Caboto, Diaz, ecc.


vai>>

Cerca un termine





background
Composizione dell'acqua di mare

 acqua marina è salata: essa è in effetti una complessa soluzione in acqua pura di numerosi sali dissociati, cioè scomposti negli elementi chimici che li costituiscono. L'acqua di mare è mediamente composta per il 96,5 per cento da acqua e per il 3,5 per cento da sali; gli specialisti preferiscono tuttavia esprimere la "salinità" in parti per mille (es. 35‰).
La salinità media delle acque oceaniche è attorno a 35‰ ma esistono mari ad elevata salinità, come il Mediterraneo (38-39‰) e il Mar Rosso (40‰), caratterizzati da scarsa comunicazione con gli oceani adiacenti ed da un elevato tasso di evaporazione.
Tra gli oceani il più salato è l'Oceano Atlantico (37.9‰ ) e,
  •  Acqua
  •  Altri elementi
al suo interno, il Mar dei Sargassi, un'area di circa 2 milioni di miglia quadrate, localizzata 2.000 miglia a ovest delle Isole Canarie. La sua maggiore salinità è dovuta alla più elevata temperatura dell'acqua, e quindi ad un più alto tasso di evaporazione, e al basso apporto di acque dolci data la distanza di questo mare dalla terraferma.
Basse salinità caratterizzano invece gli oceani polari dove l'acqua è diluita dalle continue precipitazioni e dalla scarsa evaporazione. La presenza di sali abbassa la temperatura di massima densità e, quindi, la temperatura di congelamento dell'acqua. In particolare, l'acqua del mare, con il suo contenuto medio in sali di 35 g/litro, gela a circa -2 ºC (per 35 g/litro di salinità e alla pressione di 1 Atm, il punto di congelamento è esattamente di -1,9 ºC).
Anche mari chiusi ma caratterizzati da un elevato apporto d'acque dolci dalla terraferma, possono avere bassi valori di salinità. Il Mar Baltico ad esempio ha una salinità che varia tra 5 e 15‰ e ugualmente il Mar Nero non oltrepassa in genere i 20‰.
Le salinità maggiori si osservano tra 20º e 30º nord e sud di latitudine, in concomitanza con le aree di massima evaporazione e di ridotte precipitazioni. Intorno all'equatore la salinità diminuisce attorno a 35‰ dell'aumento delle precipitazioni che diluiscono le acque. Un gradiente di salinità si osserva inoltre, a parità di latitudine, da costa verso il largo. Le acque costiere vengono, infatti, maggiormente diluite dagli apporti fluviali e dalle precipitazioni rispetto alle acque del largo.

clicca qui per ingrandire


Mappe delle salinità superficiali degli Oceani redatta dal satellite Aquarius. Fonte Nasa

Ma come mai l'acqua del mare è salata? La risposta sta nel processo di accumulo di sali nel mare e nell'evaporazione. I sali disciolti negli oceani provengono dai processi di erosione della crosta terrestre ad opera degli agenti atmosferici, dalle rocce e dai sedimenti che costituiscono i fondi oceanici, dal materiale solido e gassoso che fuoriesce dalla crosta terrestre attraverso i vulcani sottomarini e i cosiddetti thermal vents.
L'acqua che raggiunge il mare dai fiumi e dalle precipitazioni atmosferiche evapora ritornando nell'atmosfera (ciclo idrologico) ma i sali rimangono disciolti negli oceani. Ciò ha lasciato supporre che la salinità degli oceani sia aumentata nel corso delle ere geologiche. L'analisi dei resti fossili e dei sedimenti che ricoprivano i fondali marini, non ha però evidenziato un cambiamento di salinità nel corso del tempo. Ciò evidentemente perchè il tasso a cui gli elementi o i sali sono aggiunti alle acque oceaniche è uguale al tasso con cui essi sono rimossi. Diversi processi possono, infatti, sottrarre sali disciolti alle acque marine: le onde, ad esempio, quando si infrangono lungo la costa determinano la formazione di spruzzi di acqua nebulizzata contenente cristalli salini. E' stato calcolato che la quantità di acqua salata che in questo modo entra nell'atmosfera è di 3.3. miliardi di metri cubici all'anno.

Gli organismi viventi, inoltre, influenzano in maniera decisiva la composizione salina del mare con la loro attività fisiologica, estraendo dall'acqua determinate sostanze. Il calcio e i bicarbonato ad esempio, costituiscono più del 50% dei sali disciolti nelle acque fluviali ma solo il 2% di quelli disciolti in mare.
Tale discrepanza è determinata dal ruolo svolto da organismi, come i molluschi bivalvi e gasteropodi, i coralli, i pesci, i foraminiferi, ecc., che estraggono calcio dall'acqua per la costruzione di gusci e scheletri.
Ugualmente le diatomee, che sono alghe unicellulari con uno scheletro siliceo esterno, contribuiscono in maniera consistente all'abbassamento della concentrazione di Silicio nell'acqua marina.
La salinità del mare è influenzata inoltre dalla solubilità dei diversi elementi e dalle reazioni fisicochimiche che si verificano nel mezzo acquatico. La solubilità di un elemento in acqua di mare ne può limitare la sua concentrazione.
Il calcio in eccesso può precipitare e depositarsi sul fondo come carbonato di Calcio; il Manganese precipita, per qualche reazione fisico-chimica non ben nota, formando noduli che sono diffusi sui fondali oceanici; rocce ricche di fosforo (fosforiti) si osservano sui fondali di alcune aree marine (sud California) , e così via.

Nella tabella sottostante sono rappresentate le quantità dei sali disciolti espresse in milligrammi per litro. Gli Oligoelementi si trovano disciolti nell'acqua di mare in concentrazioni tanto piccole da non modificare sostanzialmente la salinità ma, d'altra parte, anche questi elementi rivestono particolare importanza per la vita degli organismi marini: è nota ad esempio l'importanza del Ferro quale costituente del sangue o del rame quale costituente dell'emocianina che in taluni organismi (molluschi ad esempio) ha le stesse funzioni dell'emoglobina, lo Stronzio, elemento fondamentale per la crescita dei coralli, ecc.

tabella sali minerali disciolti nell'acqua marina
elemento

Cloro
Sodio
Magnesio
Zolfo
Calcio
Potassio
Bromo
Carbonio
Stronzio
Boro
Silicio
Fluoro
Argo
Azoto
Litio
Rubidio
Fosforo
Iodio
Bario
Indio
Zinco
Ferro
Alluminio
Molibdeno
Selenio
Stagno
Rame
Arsenico
Uranio
mg/litro

18.980
10.540
1.350
885
400
380
65
28
8
4,6
3
1,3
0,6
0,5
0,17
0,12
0,07
0,06
0,03
0,02
0,01
0,01
0,01
0,01
0,004
0,003
0,003
0,003
0,003
elemento

Nichel
Vanadio
Manganese
Titanio
Antimonio
Cobalto
Cesio
Cerio
Ittrio
Argento
Lantanio
Cripto
Neon
Cadmio
Tungsteno
Xeno
Germanio
Cromo
Torio
Scandio
Piombo
Mercurio
Gallio
Bismuto
Niobio
Tallio
Elio
Oro

mg/litro

0,002
0,002
0,002
0,001
0,0005
0,0005
0,0005
0,0004
0,0003
0,0003
0,0003
0,0003
0,0001
0,0001
0,0001
0,0001
0,00007
0,00005
0,00005
0,00004
0,00003
0,00003
0,00003
0,00002
0,00001
0,00001
0,000005
0,000004


torna su

© 2013 I Segreti del Mare @ webmaster