L'ambiente marino

L'ambiente marino

Le varie suddivisioni degli ambienti marini, il sistema fitale ed afitale, i vari piani dei sistemi, dall' adlitorale al circalitorale vai >>

Composizione dell'acqua di mare e caratteristiche

Composizione acqua di mare

La composizione dell'acqua marina, le percentuali dei sali disciolti, la salinitàvai>>

Caratteristiche

Le caratteristiche fisico-chimiche dell'acqua marina, il termoclino, la viscosità, etc. vai>>

La luce nel mare

La luce nel mare

L'assorbimento della luce nel mare, lo spettro, l'influenza sulla vita, le suddivisioni in zone eufotica oligofotica afotica vai>>

La barriera corallina

La barriera corallina

Descrizioni delle barriere coralline, le origini e la formazione, le madrepore, la simbiosi con le alghe simbionti, le zooxantelle vai>>

Il plancton

Il plancton

Il fitoplancton, lo zooplancton, suddivisione del plancton, le diatomee, gli adattamenti alla vita planctonica, etc.
vai>>

caulerpa

Le alghe

Le alghe

Descrizione delle alghe, caratteristiche ambientali, importanza della luce, ambienti secondari vai>>

Le zooxantelle

Le alghe simbionti dei coralli: le zooxantelle

Le alghe simbionti vivono sopratutto con protozoi, spugne, celenterati: la distribuzione... continua>>

Categorie

Categorie delle alghe

Suddivisione delle alghe in relazione all'ambiente bentonico di appartenenza
vai>>

amphiprion

Dizionario

 Dizionario

Un' elenco di termini ordinati alfabeticamente per conoscere meglio il significato di alcune parole o semplicemente il nome comune di un pesce, una conchiglia, etc.

vai>>

galeone

Storia

I grandi personaggi che hanno fatto la storia dei Mari, da Colombo a Vespucci, Caboto, Diaz, ecc.


vai>>

Cerca un termine





Piccolo dizionario
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

B
Balani
Balanoglosso
Balestra, pesci
Barchetta di S. Pietro
Barracuda
Bavosa
Bianchetti
Biscia di mare
Bocca d'oro
Boga
Bonellia
Botryllus sp.
Brotola
Budego

Balani---> I Balani sono crostacei marini della dimensione di 1-2,5 cm. appartenenti alla sottoclasse Cirripedi, ordine Toracici. Nel Mediterraneo vivono varie specie, tra cui Balanus perforatus e Balanus tintinnabulum che vivono, allo stadio adulto, fissati su vari substrati, come rocce, alghe incrostanti, crostacei, ecc., a basse profondità, ai quali aderiscono con la loro base discoidale.
immagine 

Balanoglosso---> Il Balanoglosso ( Balanoglossus clavigerus ) è un'invertebrato marino dall'aspetto vermiforme, lungo circa 25 cm., che vive lungo le coste del Mar Mediterraneo affondato nella sabbia o nel fango, ove si nutre di detriti organici. Il corpo del Balanoglosso è distinguibile in proboscide, colletto e tronco.
La proboscide ha forma globosa e serve all'animale per scavere gallerie nella sabbia, alla sua base si trova la bocca. Con un breve peduncolo la proboscide si collega al colletto che la riveste parzialmente. Il tronco termina con l'apertura anale ed è formato dalla regione branchio-genitale con fenditure branchiali e due espansioni laterali, dalla regione epatica e da quella caudale. Le gallerie ad U scavate dall'animale hanno le pareti rapprese da un muco che il Balanoglosso secerne e si riconoscono dalla caratteristica forma a cordone disposto circolarmente degli escrementi che fuoriescono da una delle due aperture.

Balestra, pesci---> Nome comune dei pesci appartenenti alla famiglia Balistidae. Caratteristico per questi pesci è il corpo, generalmente molto compresso in relazione all'altezza. La pelle è ricoperta di piccole placche ossee. La testa è molto grande, particolare sottolineato dagli occhi, posizionati molto in alto ed in posizione molto arretrata.
Odonus niger La bocca, apparentemente piccola rispetto al corpo, è dotata di un'apparato dentale di tutto rispetto, essendo le mascelle dotate di una fila di otto denti a forma di scalpello; la mascella superiore è inoltre provvista di un'ulteriore fila di sei denti nastriformi unita alla fila di denti antistanti. Vengono anche detti pesci grilletto, per la particolare conformazione dei primi raggi della pinna dorsale: quando questi raggi, generalmente tre, sono eretti, non è possibile ripiegare il primo raggio, che resta bloccato dagli altri; questo sistema funziona come la sicura di un grilletto della balestra, da qui il nome comune.
I pesci appartenenti a questa famiglia vivono, nella maggior parte delle specie, lungo le barriere coralline o nei pressi della costa dei mari tropicali. La loro particolare dentatura, molto robusta, permette loro di cibarsi di molluschi, crostacei, echinodermi ed anche dei polipi delle madrepore. Durante la notte si ritirano in anfratti delle rocce o delle madrepore, dove rimangono ancorati, per non essere trasportati dalle correnti, utilizzando i raggi duri della pinna dorsale.
Immagini a questa voce: famiglia Balistidae top

Velella velellaBarchetta di S. Pietro---> La Barchetta di S. Pietro o velella (Velella velella ) è un un'invertebrato marino molto diffuso nel Mediterraneo. Anche se dall'aspetto esterno appare come un singolo individuo di forma medusoide, in realtà è una colonia pelagica i cui componenti sono altamente specializzati in gruppi con con compiti ben precisi, a tal punto che hanno perso la loro fisionomia originale assumendo le caratteristiche di componenti di un unico organismo.
La parte più macroscopica della colonia è la pneumatofora galleggiante, che deriva dal primo individuo medusoide che si è dilatato in una vescica gonfia d'aria. Questa è costituita da una parte orizzontale, di forma ovoidale,dalla quale deriva una lamina verticale: l'insieme ha quindi l'aspetto di una barchetta azzurra sormontata da una vela pressapoco triangolare.top

Barracuda---> Esistono varie specie di pesci comunememente chiamati barracuda, tutti appartenenti alla famiglia degli Sfirenidi, che sono largamente diffuse nei mari tropicali, subtropicali e, seppur in minor quantità, nei mari temperati.
Nel Mar Mediterraneo e nell'Oceano Atlantico orientale è abbastanza comune un barracuda di medie dimensioni, al massimo 1 metro di lunghezza: il Sphyraena sphyraena , detto volgarmente luccio di mare per la sua somiglianza con i Lucci di acqua dolce. I barracuda hanno tutti un corpo slanciato, siluriforme, con grosso muso la cui bocca è molto ampia e dotata di robusti denti, la mandibola è molto più avanzata della mascella superiore. Presentano due pinne dorsali nettamente separate, un'ampia codale biforcuta e sono poco sviluppate le pinne ventrali e pettorali.
Altre specie di barracuda:
Sphyraena barracuda , Sphyraena picudillatop

Blennius gattoruggineBavosa---> Le Bavose sono pesci di piccole dimensioni molto comuni, del genere Blennius, che vivono a stretto contatto con il fondo, molto spesso tra le rocce sotto costa e anche nelle pozze. Si trovano nei mari caldi e temperati e molte specie sono mediterranee. Il corpo delle bavose non è ricoperto da squame e la pelle nuda è protetta da un muco che le rende viscide al tatto (da qui il nome comune). In varie specie di bavose si nota uno spiccato dimorfismo sessuale: in genere il maschio ha una livrea più colorata e vivace. Le uova vengono deposte in appositi nidi nella roccia e il maschio difende la prole. Alcune specie:
Blennius sanguinolentus, Blennius trigloides, Blennius gattoruggine, Blennius pavotop

Bianchetti---> Nome con il quale vengono comunemente chiamati gli avannotti di varie specie ittiche, particolarmente di acciughe.top

Biscia di mare---> Le biscie di mare sono pesci Anguilliformi dalla forma snellissima che li fa chiamare anche pesci serpente. Il loro corpo non è ricoperto da squame e hanno una caratteristica coda: priva di pinna, è robusta e appuntita per penetrare nella sabbia o nel fango, dove vivono abitualmente questi pesci, lasciando sporgere la sola parte anteriore del corpo in attesa di una preda. Vivono in quasi tutti i mari caldi e temperati.
Specie presenti nel Mediterraneo: Echelus myrus, Ophisurus serpens, Caecula caeca  e C. imberbis, Ophichtus remicaudus.top

Bocca d'oro---> - L'Argyrosomus regius, detto anche ombrina leccia, è un grosso pesce del Mediterraneo e dell'Atlantico orientale che può raggiungere i 2 metri di lunghezza ed il peso di 50 kg. Vivono in acque poco profonde lungo le coste e talvolta possono spingersi negli estuari a caccia di piccoli pesci da predare.
Devono il loro nome comune alla caratteristica colorazione della cavità orale.top

Boga---> - La boga (Boops boops ) è un pesce comunissimo nel Mediterraneo e nell'Atlantico orientale. Il suo corpo è affusolato, slanciato, rivestito di piccole squame e raggiunge la taglia massima di 30-35 cm. Il colore è grigio-azzurro e verde-argentato con lievi tonalità gialle ai lati. Quattro o cinque strisce dorate segnano longitudinalmente i fianchi.top

Bonellia---> La Bonellia viridis  è un'invertebrato marino, diffuso nel Mediterraneo a basse profondità. Vive con la parte del corpo a forma di tronco globoso, del diametro di 5-10 cm., incastrata nelle fessure delle rocce e utilizza una proboscide lunga oltre 1 metro per raccogliere i detriti organici di cui si nutre. Questa descrizione appartiene ad un'individuo femminile: infatti il maschio non misura che pochi millimetri e vive commensale all'interno della proboscide della femmina.top

Botryllus sp.---> Piccoli Ascidiacei viventi in colonie, presenti a basse profondità, che incrostano i più vari substrati, organismi viventi compresi.
Comune nel Mar Mediterraneo è la specie Botryllus schlosseri , dalle colonie variopinte su cui spuntano i cenobi aventi forma di una margherita, al centro della quale si trova la cloaca. Sempre nel Mediterraneo è presente Botrylloides leachi, anch'esso dai colori molto vari, che produce colonie nastriformi variamente aggrovigliate su qualsiasi substrato.top

Brotola---> Nome comune di alcuni pesci generalmente di acque profonde, presenti nel Mediterraneo con le seguenti specie:
Benthocometes robustus, Oligopus ater , Bellotia apoda.top

Budego---> Il Lophius budegassa, dall'aspetto molto simile alla più nota Rana pescatrice(Lophius piscatorius ), è un pesce frequente nel Mediterraneo e nell'Atlantico orientale. Il corpo è privo di squame, tozzo nella parte anteriore; il capo è sviluppatissmo, con una grande bocca dotata di denti robusti e appuntiti.
Dalla pinna dorsale si prolungano alcuni raggi, uno dei quali è dotato di un piccolo lobo apicale che, posizionato davanti al capo, ha lo scopo di attirare le prede verso la bocca dell'animale. Il budego conduce vita bentonica, su fondali sabbiosi o fangosi e nelle praterie di Posidonia. Può raggiungere gli 80 cm. di lunghezza.top


© 2013 I Segreti del Mare @ webmaster